Fioraio.it - Consegna fiori a Domicilio in Italia e nel Mondo

Lu-Ve 8:30-12:30  14:30-18:00  Sa 8:30-12:30

0,00
800-618667

Pubblicato il: 25/06/2017
Tags: expo


Expo: un futuro tra scienza e verde


EXPO: UN FUTURO TRA SCIENZA E VERDE

L'area su cui si è svolta l'Esposizione Universale diventerà un “Parco della scienza, del sapere e dell'innovazione” coronato da un polmone verde. All'interno molti espositori del mondo florovivaistico. Fioraio.it raggruppa tutta una serie di professionisti del settore che sono stati presenti all'evento e sono specializzati nella vendita di fiori online con consegna a domicilio in tutto il mondo mediante le consgne internazionali. Fiori e piante in tutto il mondo ormai è lo slogan obbligatorio di molti fiorai tra cui l'organizzazione madre rappresentata da www.fioraio.it

Arexpo, la società pubblica proprietaria delle aree che hanno ospitato Expo Milano,  ha anticipato le linee guida del Piano strategico per sviluppare e valorizzare il sito, che sarà presentato all'assemblea dei soci (Governo, Comune di Milano, Regione Lombardia, Fondazione Fiera Milano) tra il 10 e il 15 novembre. L'area, che occupa una superficie di oltre un milione di metri quadrati, rappresenta il “Parco della scienza, del sapere e dell'innovazione”. I primi cantieri, previsti per il 2017-2018, godranno del sostegno di investimenti pubblici e privati. A garantire un rapporto di sinergia tra Expo e Arexpo è stato chiamato Gianni Confalonieri, già commissario delegato dal 2013, nominato dal commissario unico Giuseppe Sala, e ora commissario pro tempore. Fino al 31 dicembre sarà lui a vigilare affinchè tutto il know-how in termini di uomini ed esperienze sia trasferito compiutamente da Expo a Arexpo. 

Quale sarà il futuro del sito espositivo? Stiamo lavorando attorno a un progetto che intende destinare il 50 per cento della superficie totale a parco tematico, caratterizzato dal verde. Il concept della parte restante è composto di tre soluzioni. La prima prevede un campus universitario: il rettore della Statale Gianluca Vago ha annunciato la volontà di trasferire nell'area le sette facoltà scientifiche. La seconda investe il settore della ricerca: l'obiettivo è quello di trasformare Milano in uno dei poli mondiali della ricerca e della tecnologia al fine di migliorare la qualità della vita, tra medicina, alimentazione e life style. Il progetto che risponde al nome di Human Technopole Italy 2040 è già nei piani del Governo. Infine si prevede la realizzazione di un polo dell'innovazione. 

Le aree resteranno pubbliche? Le aree resteranno in carico a Arexpo, che svilupperà un progetto comprendente le linee guida appena annunciate. Tale progetto dovrà poi essere sottoposto all'approvazione dei Comuni di Milano e Rho. In seguito sarà bandita una gara per la realizzazione.

Quali sono i tempi previsti? Potremmo immaginare di avere a disposizione un progetto compiutamente definito tra la fine del 2017 e l'inizio del 2018. Da adesso ad allora è stata messa a punto la cosiddetta fase “Fast Post Expo” per riutilizzare subito le aree e le strutture in attesa del piano a lungo termine e per impedire il degrado dell'area. Quest'anno c'è stata la sperimentazione con “Experience”, l'iniziativa proposta da Arexpo che fino al 30 settembre ha permesso ai visitatori di vivere, seppure in versione ridotta, l'esperienza del grande evento dello scorso anno. Il prossimo anno è prevista un'edizione più solida, in modo da accompagnare il sito fino alla sua nuova destinazione senza soluzione di continuità.

I tempi per la realizzazione di un progetto tanto ambizioso saranno inevitabilmente lunghi. Intanto però si lavora attorno ad alcune certezze. La prima tappa del percorso, secondo le linee guida del Piano strategico di sviluppo e valorizzazione, sarà la progettazione del master plan. Le attese sono alte: nel progetto il verde dovrà rivestire un ruolo importante, la cittadella della scienza sarà immersa in un grande parco. “Non ci sarà un unico grande parco”, ha spiegato l'a.d. di Arexpo Giuseppe Bonomi, “bensì un verde diffuso. Oggi abbiamo già 250 mila metri quadrati di verde pregiato nell'area da sviluppare ulteriormente”. 

Si è parlato ripetutamente di un grande polmone verde di quasi 500 mila metri quadrati, da cui ricaverebbe beneficio non solo il sito strettamente interessato, ma l'intera città metropolitana. Ora non resta che attendere il master plan per conoscere i dettagli. E vigilare.

Lo staff di Fioraio.it esperti nell' invio di fiori a una persona amata e invio fiori per un compleanno o per un'occasione speciale come San Valentino o la Festa della Donna.

 




CHATTA CON FIORAIO.IT
Informativa Privacy e Cookies

Questo sito fa uso di cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics.

Se vuoi avere maggiori informazioni sull’utilizzo dei cookie nel sito, leggi la nostra informativa estesa.
X Ho capito, chiudi